I genitori messico-americani sono scioccati dopo aver dato alla luce una bambina bionda dalla pelle chiara

Notizie interessanti

Un giorno, qualcuno ha detto che ogni persona è un miracolo.

La maggior parte dei genitori si aspetta che i loro figli assomiglino a loro, ma alcuni di questi miracoli sono più sorprendenti e lasciano i loro genitori sconcertati solo pochi secondi dopo aver salutato questo nuovo mondo.

I genitori messico-americani sono scioccati dopo aver dato alla luce una bambina bionda dalla pelle chiara

È stato esattamente il caso di Edith e Raul Garcia, una coppia messico-americana.

I genitori messico-americani sono scioccati dopo aver dato alla luce una bambina bionda dalla pelle chiara. Edith Garcia ha dato alla luce la sua seconda figlia tre anni fa.

Quando Edith Garcia e suo marito Raul hanno appreso di avere un altro figlio, sono rimasti sorpresi ma felici. Avevano già una bellissima bambina chiamata Mariah e erano entusiasti di accogliere qualcosa di più piccolo nel mondo.

I genitori messico-americani sono scioccati dopo aver dato alla luce una bambina bionda dalla pelle chiara

Dopo aver visto la pelle avorio della sua bambina, la messicana è rimasta sconvolta.

La stanza è crollata (tranne le grida della bambina, naturalmente) dopo aver visto la bambina con la pelle di porcellana e capelli completamente biondi!

I genitori messico-americani sono scioccati dopo aver dato alla luce una bambina bionda dalla pelle chiara

Edith ha detto: “Non sapevo cosa pensare.”

Edith e suo marito Raul non sapevano di avere un gene albino nella loro famiglia. La mancanza di pigmentazione negli occhi, nei capelli e nella pelle è causata da un gene.

Edith ha raccontato: “Mia madre ha chiesto a mio nonno se conosceva genitori dopo la nascita di Tatiana, e lui ha confermato che c’erano, ma almeno cinque generazioni prima.”

Si è scoperto che anche Raul aveva cugini lontani affetti dalla malattia.

“Una forza con cui fare i conti e che non permetterà alla sua deficienza visiva di fermarla”, spiega Edith.

Vota l’articolo
Ti piace questo post? Per favore condividi con i tuoi amici:
Lascia un commento